1. Home Page
  2. Inarch
  3. Il lungomare

Il lungomare

di

Napoli è, prima di tutto, città di mare. La ricorrente iconografia storica della città ne tratteggia i caratteri e la forma urbana come un’enorme scena vista dal mare. Dunque dal mare vogliamo partire per dare avvio a questa raccolta di progetti e di proposte, le più recenti, che riguardano la città. In particolare ospitiamo questa volta 19 progetti presentati nell’ambito di un’iniziativa concorsuale del 2014 promossa dall’Associazione Napolicreativa, in collaborazione con l’Ordine degli Architetti della Provincia di Napoli e con l’Acen. Si tratta della quinta edizione del Premio “La Convivialità Urbana” dedicato l’anno scorso proprio al ridisegno del Lungomaredella città. L’iniziativa partiva dall’esigenza di ridefinizione di un’area fortemente strategica per la città, per particolari valenze di tipo paesaggistico e ambientale, ma anche per specifiche esigenze di sviluppo turistico e di mobilità urbana. Da questo punto di vista abbiamo ritenuto opportuno, per un utile confronto, pubblicare anche alcune immagini del progetto del Lungomare realizzato dall’Amministrazione Comunale e presentato alcuni mesi fa, riferito in particolare al tratto che va da piazza Vittoria al Molosiglio e che consolida la scelta, attuata già dal 2013, di pedonalizzare l’area, che rappresenta un’importante strada urbana sul mare e che, come viene particolarmente sottolineato, costituisce un vero e proprio intervento di recupero storico della sua antica immagine .

Per la sottosezione dedicata ai progetti realizzati nel mondo, scelti per analogia con il tema proposto in questo primo numero, abbiamo scelto il progetto dei Docks di Marsiglia, realizzato dallo Studio di Architettura 5+1AA Alfonso Femia Gianluca Peluffo. Uno studio di architetti italiani che ha da pochi mesi inaugurato a Marsiglia questo progetto di ristrutturazione di un edificio dismesso nell’area portuale della città. Un edificio di un’altra città di mare che, attraverso la sua ridefinizione architettonica e funzionale, esalta l’integrazione delle due anime della città, quella urbana e quella marittima.